La pecca


di | 12 Nov 2011

Davanti alla commissione d’inchiesta del Congresso americano sulle crisi economica, Alan Greenspan, capo della Federal Reserve - cioè della Banca Centrale degli Stati Uniti-  per oltre vent’anni, e uno dei massimi difensori del neoliberismo, fa un’ammissione sconvolgente:  riteneva che un mercato libero e competitivo fosse il modo migliore d’organizzare un’economia. Ma, dice: “Ho trovato una pecca nel modello che io che io ritenevo essere la struttura fondamentale alla base del funzionamento del mondo”.