Lavitola e le nomine


di , , | 8 Nov 2011

Nel 2009 si combatte una guerra sotterranea per la nomina dei nuovi vertici della Guardia di Finanza. Tra le due fazioni in campo una fa riferimento a Silvio Berlusconi, l'altra a Giulio Tremonti. Valter Lavitola, il faccendiere in combutta con Paolo Poletti, il numero due dei servizi segreti italiani, sponsorizza al premier il generale Emilio Spaziante, che si candida per il ruolo di capo di Stato maggiore.