In pensione con 42 anni di lavoro: “A pagare è sempre il popolo”


di | 8 Dic 2011

“Quando ho visto la ministra Fornero piangere in conferenza stampa ho subito pensato che l'aveva presa in quel posto un'altra volta...Già 35 anni erano tanti, poi 40, ora si va in pensione con 42 anni di lavoro. Speriamo che gli basti, io non ce la faccio più”. Roberto Catalini ha visto la sua pensione allontanarsi ben quattro volte: spera che questa sia l’ultima. Sua figlia, invece, ha perso le speranze. La pensione, lei, non la percepirà mai: "L'unica soluzione sarà farsi un'assicurazione privata. Lo Stato non è presente, a pagare è sempre la fascia medio bassa, il popolo. La situazione è diventata insostenibile: una serata al cinema costa 50 euro, ci metto due giorni e mezzo a guadagnarli. Né io né il mio ragazzo abbiamo una busta paga, non possiamo permetterci un affitto o un mutuo e stiamo ancora a casa con mamma e papà". L'intervista di Francesca Di Stefano per Servizio Pubblico, programma di Michele Santoro.