Laziogate, Mario Abbruzzese: ”Tutti sapevano”


di | 29 Ott 2012

Nuove accuse al sistema Lazio: dopo la ormai celebre festa in maschera "Olympus" emergono fatture false, eventi mondani, circoli di rugby finanziati con i soldi pubblici. L'ex presidente del consiglio regionale del Lazio Mario Abbruzzese, indagato per abuso d'ufficio nell'inchiesta sulla proroga dell'incarico al segretario generale del Consiglio Nazzareno Cecinelli, parla delle spese pazze dei consiglieri della Regione Lazio e ammette: "Tutti sapevano".

Mario Abbruzzese e le spese pazze

"Non mi sono alzato una mattina e ho deciso di aumentare i soldi ai gruppi; nessuno si è alzato e ha detto che quei soldi non li voleva" - si difende così Abbruzzese, circa 10mila euro al mese e 17 collaboratori personali - "A me sta a cuore che non rubo io, di quello che fanno gli altri non posso e non voglio saperlo". GUARDA ANCHE: I TAGLI ALLA POLITICA SECONDO VERONICA CAPPELLARO, LA ZARINA DELLA PISANA