De Magistris e il movimento arancione


di | 7 Dic 2012

Ospite di Servizio Pubblico, Luigi De Magistris presenta il suo Movimento arancione ed analizza lo scenario politico attuale. Secondo il sindaco di Napoli l'alleanza Bersani-Casini creerebbe uno spazio importante: "Bersani? Pur avendo vinto le primarie non è una novità. Quindi credo ci sia bisogno di una proposta diversa". E Berlusconi? "Sta cavalcando l'antimontismo che attraversa oggi il Paese. Non va sottovalutato. E' scomparso ma sta cercando di recuperare terreno".

Il Movimento arancione

"In questo periodo storico sono diventati eversori quelli che difendono la Costituzione. E' un mondo alla rovescia: i normali che diventano deviati, i deviati che diventano normali" - denuncia De Magistris - "Io credo invece che ci sia un grande spazio per quelli che difendono la Carta e non si omologano col potere. Che vogliono difendere i diritti e liberarsi delle cricche. Cittadini e cittadine dalla schiena dritta, che affrontino veramente la questione morale. Le elezioni? Sono pronto e lo sono anche tanti cittadini. Una campagna elettorale di grande entusiasmo si può fare anche in 30 giorni".