Ingroia sulle carceri: “Berlusconi ha allungato i tempi dei processi”


di | 25 Gen 2013

Ospite di Servizio Pubblico Antonio Ingroia espone i suoi argomenti sulle carceri e l'utilizzo della carcerazione preventiva. Per l'ex magistrato ora leader di Rivoluzioni Civile "le politiche del governo Berlusconi hanno allungato i tempi dei processi per fare gli interessi dei soliti potenti".  

Ingroia sulle carceri

Ingroia prosegue: "Si è tentato in tutti i modi di allungare i tempi della sentenza definitiva. La classe politica si è costruita l'impunità con una serie di leggi. Anche se non vorrei che i telespettatori pensassero che il sovraffollamento sia dovuto ai troppi politici". Sul tema Mara Carfagna non ci sta: "Da cosa ci salviamo se non abbiamo più l'immunità parlamentare?". Ingroia ribatte: "Non mi faccia lezione di costituzione". E Carfagna chiosa: "Abbiamo qui il novello Pericle".

Ingroia su Mps

Nel corso della stessa puntata del programma di Michele Santoro l'ex magistrato dice la sua sul crac del Monte dei Paschi di Siena: "La politica segue gli interessi bancari. Questa vicenda deve far accendere sull'efficienza dei controlli della Banca d'Italia" - spiega Ingroia - "In Italia i controlli non funzionano più. C'è un intreccio fitto tra politica e finanza, tra controllore e controllato. In questa situazione di deriva finanziaria, di crisi scaricata dai cittadini, Monti ha dato 4 miliardi di euro a Monte dei Paschi di Siena, togliendoli dagli italiani. I soldi dell'Imu sono finiti alla banca".