Le tasse di Berlusconi: l’editoriale di Gianni Dragoni


di | 4 Feb 2013

Le tasse di Berlusconi: una storia di promesse mancate. Il punto nell'editoriale di Gianni Dragoni, giornalista del Sole 24 ore, per Servizio Pubblico, programma di Michele Santoro.

Le tasse di Berlusconi: il punto

Fin dalla prima campagna elettorale nel 1994, Berlusconi ha sempre promesso di ridurre le tasse: "Meno tasse per tutti". Aveva proposto un'aliquota unica dell'Irpef non superiore al 30% del reddito. E non l'ha fatto. Nel 2000 aveva proposto due aliquote: la più alta del 33% sopra i 100mila euro. E non ha fatto neanche questo. Oggi l'aliquota massima è del 43% e la pressione fiscale sul Pil è tra le più alte d'Europa e blocca la crescita, così come confermato da Visco.