Il festival dell’ipocrisia


di | 9 Mag 2013

Il post-Andreotti nell’editoriale di Marco Travaglio: “I politici considerano Andreotti il loro santo protettore: ne ha combinate di tutti i colori, ma l'ha sempre fatta franca. Per loro è un portafortuna e un motivatore: se l'ha sfangata persino uno come lui, noi nanetti che -per quanto ci sforziamo- non riusciremomai a combinarne tante, siamo a cavallo. Perciò ripetono come un mantra che è stato assolto: la sua falsa assoluzione è anche la loro, per quel che han fatto e per quel che faranno. Ma, oltre alla statura dei politici, si dice che c'è anche un'altra differenza fra prima e seconda Repubblica: la perdita dell'ipocrisia…”