La storia di Antonio Guarascio: o la casa o la vita


di | 31 Mag 2013

Sandro Ruotolo ricorda insieme ai figli di Antonio Guarascio il gesto del padre: darsi fuoco per difendere la casa che stava costruendo e che la banca gli ha tolto per un mutuo che non riusciva a pagare mensilmente.

La storia della famiglia di Antonio Guarascio

Martina Guarascio, figlia di Giovanni, l’uomo di 64 anni che si è dato fuoco a Vittoria dopo aver visto vendere all'asta la propria casa per un debito di 10mila euro, lancia un appello – raccolto da Servizio Pubblico – rivolto alle istituzioni regionali e allo Stato: “Non lasciateci un’altra volta da soli”. La madre di Martina, la signora Giorgia Famà, è rimasta gravemente ustionata dopo essere intervenuta per tentare di fermare dal gesto estremo il marito. Rimanendo così colpita dalle fiamme. Sandro Ruotolo aveva così raccontato la storia: "Martina ha dovuto abbandonare gli studi e questi soldi potrebbero permetterle di riprenderli. E credo che abbiamo un obbligo verso i nostri ragazzi: se a un giovane si nega la possibilità di andare all'università si nega il suo futuro e il futuro di quella terra. Proviamo a costruire una rete di solidarietà?".