Santanchè contro le intercettazioni: “E’ violazione della privacy”


di | 17 Mag 2013

Ospite di Servizio Pubblico di Michele Santoro, Daniela Santanché si scaglia contro le intercettazioni telefoniche che vedono coinvolti Nicole Minetti e Silvio Berlusconi affermando che si tratta di violazione della privacy.

Santanchè contro le intercettazioni

Intercettazioni che in un recente passato hanno riguardato la stessa Santanchè. Come nel caso delle cene eleganti a casa Berlusconi. Scrive il Corriere:
Prova a fornire la sua versione, Flavio Briatore, su quelle telefonate intercettate due mesi fa. Da una parte lui, dall'altra Daniela Santanché, sua amica, già socia del Billionaire, sottosegretario e fedelissima di Berlusconi. Briatore ha appena incontrato Lele Mora a Montecarlo, lui gli ha raccontato che «gli continua a portare, a organizzare, è persino in imbarazzo lui!». E per questo è sicuro «al cento per cento» che Berlusconi abbia ripreso con i suoi festini «non più lì (ad Arcore) ma nell'altra villa (...) tutto come prima». Santanché è incredula, perde la pazienza: «Va be' ma allora qua crolla tutto». Le intercettazioni fanno parte dell'inchiesta della Procura di Genova che accusa Briatore di evasione fiscale per il suo yacht «Force blue» che batte bandiera delle Cayman. E in quelle telefonate - riportate ieri da Repubblica, e prima dal Secolo XIX e dal Fatto - i due vecchi amici parlano di tutto, di Geronzi, di Emilio Fede che definiscono «gentaglia» e anche peggio, del nuovo direttore generale della Rai. Ma soprattutto dei festini del premier.