Sempre in piedi: l’editoriale di Michele Santoro


di | 24 Ott 2013

Si apre con un duro attacco a Renato Brunetta la puntata di Servizio Pubblico. Le dichiarazioni di Michelle Bonev hanno fatto il giro del mondo ed alcuni esponenti del Pdl si sono scagliati con un Occupy Santoro. Eppure, dopo le dichiarazioni di De Gregorio non c'è stato lo stesso clamore: come mai?

Sempre in piedi

Ma cosa aveva detto la Bonev in esclusiva a Servizio Pubblico? Qui un passaggio:
"Lì funziona così: alla fine della festa ogni ragazza ha una richiesta da fare a Berlusconi. E' venuta lì per avere qualcosa, un ruolo in un film, una borsa di pitone, per pagare l’affitto, la luce, il gas. Quindi lui rimaneva in sala, tutti uscivamo fuori, ci sedevamo sui divani e poi lui una per una, come il padrino, cominciava ad ascoltare le loro richieste" - racconta la Bonev - "Sono iniziate le sue avances e dopo la festa siamo stati insieme. Eravamo andati così lontano che se io non avessi...il contratto non sarebbe arrivato. Poi ti auto convinci che ti vogliono bene perché è più facile accettare compromessi. Ma sempre di compromessi si trattava. Perché questa confessione? Ho vissuto nella menzogna soprattutto negli ultimi quattro anni. Non solo sono stata male, ma non sono riuscita nemmeno ad avere niente per cui io sono andata. Io sono l'esempio che comunque non serve fare tutti i compromessi che pensiamo di fare, alla fine non arrivi da nessuna parte".
LA LEGGE DEI POVERACCI: L'EDITORIALE DI MARCO TRAVAGLIO GRANDI OPERE, GRANDI SPRECHI: L'EDITORIALE DI GIANNI DRAGONI LE VIGNETTE DI VAURO