Parla l’ex avvocato di Ruby

di | 29 Nov 2013

Nel giorno del deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado del “Ruby bis”, in cui sono stati condannati Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti, parla l’ex avvocato di Ruby, Egidio Verzini, in un’intervista esclusiva a Servizio Pubblico: “Nel giugno 2011 Ruby venne da me per costituirsi parte civile contro Emilio Fede, poi ci fu un ripensamento”. Dopo appena un mese infatti, Ruby tornò dal suo precedente legale. L’avvocato racconta che Ruby era pronta ad ammettere di essersi prostituita con Silvio Berlusconi. Ma ci furono “pressioni e interventi esterni”, non solo sulla ragazza ma anche nei suoi confronti.

Archivio

ITALIA: il nuovo programma di Michele Santoro su Rai 2

Michele Santoro torna su Rai 2: vi aspettiamo il 5 ottobre alle 21.10 su Rai…


ROBINÙ: il trailer

A Napoli, negli ultimi due anni, bande di adolescenti si combattono, a colpi di kalashnikov,…


[ESCLUSIVO] NAPOLI, OMAGGIO DEL QUARTIERE AL BOSS DI FORCELLA

Emanuele Sibillo, il giovane boss ucciso in un agguato lo scorso luglio, si è reincarnato…


Soru condannato: tutto nasce da una nostra inchiesta

Come è legata un nostra vecchia inchiesta alla condanna a 3 anni di reclusione per…


Saviano: “Renzi tace perché il sud è dimenticato”

Roberto Saviano  sulle primarie in Campania: “Sono una barzelletta e non bisogna andare a votare…


L’intervista a Gaetano Vassallo, l’ex “ministro dei rifiuti” del boss dei Casalesi

A Caivano non è cambiato nulla, e così a Giugliano e negli altri 52 comuni…


Ciao Emiliano

“Probabile che ti stessero aspettando”, gli disse al suo arrivo al Fatto quotidiano un anziano…


No Tav: Alta voracità

Marco Travaglio ripercorre la storia della ferrovia Torino-Lione e illustra le conseguenze del progetto TAV….


Dario Fo: “I soldi della casta? Guai a chi li tocca”

Sandro Ruotolo intervista Dario Fo e Franca Rame.


Dario Fo: “Al ladro!”

Un estratto dell’intervento di Dario Fo alla notte dell’Onestà.


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati