La lettera di Berlusconi ai senatori Pd e Cinque Stelle


di | 28 Nov 2013

Silvio Berlusconi ha scritto una lettera molto accorata ai parlamentari del Movimento 5 Stelle. E loro come rispondono? Il servizio di Giulia Innocenzi.

La lettera di Berlusconi ai senatori Pd e Cinque Stelle

Un estratto della missiva del Cavaliere:
"Colleghi Senatori, come mi avete già sentito dire io sogno un’Italia in cui lo scontro politico non cancelli il rispetto per le persone e per le regole democratiche. Noi e Voi siamo avversari politici, ma non per questo dovrebbe venir meno il rispetto reciproco come persone che hanno una dignità e come cittadini che hanno dei diritti". Comincia così la lettera che Silvio Berlusconi ha indirizzato ai senatori Pd e M5s sul caso decadenza. "Con voi senatori del Partito Democratico, inoltre, abbiamo formato - ricorda il leader FI nel testo diffuso dall’ufficio stampa del partito, dopo la lettura in conferenza stampa da parte dello stesso Berlusconi - un governo di larghe intese per fermare la crisi economica e varare finalmente delle riforme istituzionali. Questo governo che abbiamo formato insieme per gli interessi superiori del Paese presupponeva di per sè, all’atto stesso della sua formazione, un clima politico più sereno, collaborativo e dialogante fra tutte le forze politiche della maggioranza". "Così non è stato, ma resto convinto che senza un’autentica pacificazione, cioè una legittimazione reciproca fra le grandi forze politiche, l’Italia non conoscerà mai quella normalità politica che contraddistingue la vita di tutti gli altri Paesi democratici dell’Occidente", scrive ancora l’ex premier.
L'INTERVENTO DI PAOLA TAVERNA: "B. È UN DELINQUENTE" LUCA BERTAZZONI E LA PIAZZA DI B.