“Esclusiva! La lettera della Santanchè a Napolitano!”


di | 20 Mar 2014

Abbiamo intercettato fortunosamente la lettera che Daniela Santanchè ha scritto al presidente Napolitano per la grazia a Berlusconi. La riveliamo in esclusiva mondiale. L'editoriale di Marco Travaglio. "Signor presidente, cioè volevo dire Maestà. Chi le scrive è Daniela Santanchè, detta la Pitonessa, anzi mi chiami pure Grazia come l'atto di clemenza che le chiedo per porre fine all'ingiustizia di una sentenza politica. Una sentenza che priva Forza Italia del suo candidato ideale, l'Italia del miglior premier degli ultimi cento anni e il mondo dell'unico leader in grado di affrontare da pari a pari Obama, Putin e la Merkel".

La grazia a Berlusconi

L'editoriale di Travaglio: "L'Italia ha ancora bisogno di Berlusconi ma lui purtroppo è in fuorigioco. È stato condannato a quattro anni per una frode fiscale che certamente non ha commesso. La Cassazione lo ha anche interdetto per due anni dai pubblici uffici ma i più interdetti siamo noi che non abbiamo più un leader. In più una legge illiberale, la legge Severino, votata da un branco di deficienti, cioè noi Maestà, lo ha dichiarato decaduto da senatore e incandidabile per sei anni. Adesso me lo spiega lei chi ci mettiamo come capolista alle europee? Marina? Barbara? Piersilvio? o il povero Toti che non lo candiderebbe nemmeno il PD".