“Quando Dell’Utri mi portò da Berlusconi”

di | 24 Apr 2014

Il pentito Francesco Di Carlo racconta i suoi incontri con Marcello Dell’Utri e Silvio Berlusconi: “Era il 1974 e andammo ad Arcore con il gotha della mafia di allora: Stefano Bontate e Mimmo Teresi. Berlusconi aveva paura dei sequestri e chiedeva protezione. Fu così che Vittorio Mangano arrivò ad Arcore come stalliere. E Stefano Bontate ottenne in cambio 100 milioni di lire”. Il grande accusatore di Marcello Dell’Utri e a lungo collaboratore dei servizi segreti, racconterà un episodio inedito avvenuto in un carcere inglese: “Nel 1988 ero detenuto a Londra con un condanna per traffico di droga. Mi vennero a trovare un esponente dei servizi italiani che conoscevo come il signor Giovanni, un agente dei servizi inglesi e un terzo uomo dalla voce roca che non conoscevo. In seguito scoprii la sua identità: era Arnaldo La Barbera, l’ex capo della Squadra mobile di Palermo. Volevano un contatto per intervenire sulla sentenza di appello del maxiprocesso e io gli feci il nome di Ignazio Salvo”.

Guarda Anche

Archivio I nostri speciali

Il mistero di Attilio Manca

Attilio Manca: storia di un “suicidio di mafia”? Il giovane urologo siciliano che avrebbe curato…


La storia di Faccia di Mostro

I pentiti lo chiamavano “faccia da mostro”, per quel volto sfigurato da una fucilata. Per anni si…


Gli eredi dello Stalliere

A Milano il nome di Vittorio Mangano conta ancora moltissimo. I suoi eredi hanno organizzato…


Bye Bye Marcello: la fuga di Dell’Utri

È il 23 di marzo, e Marcello Dell’Utri è su un treno per Parigi: tuttavia…


Esclusiva SP: Ecco il volto di “Faccia da Mostro”

I pentiti lo chiamavano “faccia da mostro”, per quel volto sfigurato da una fucilata. Per anni si…


Ridateci Andreotti e Dell’Utri

“La politica è incompatibile con la verità sulla mafia perché è intrecciata con la mafia….


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati