Te lo do io l’euro: il grido di Grillo nel suo nuovo spettacolo


di , , | 3 Apr 2014

Mentre il Paese è alle prese con la sfida della ripresa economica, in Veneto riaffiora lo spettro della secessione con 24 arresti fra gli indipendentisti, accusati di reati di terrorismo e di fabbricazione di munizioni da guerra. Nelle stesso ore Beppe Grillo, leader del M5S, mette in scena il suo nuovo spettacolo Te lo do io l’euro, che prende di mira l’Unione fatta di burocrazia e lontana dai bisogni dei cittadini. Riuscirà Matteo Renzi a fare le riforme e frenare le spinte separatiste? Il racconto di Servizio Pubblico firmato Luca Bertazzoni, Sandro Ruotolo e Giulia Cerino.

Te lo do io l’euro

Lo stesso Grillo sul proprio blog presenta così il suo spettacolo:
Un mostro si aggira per l’Europa. Si chiama euro. Chi lo ha frequentato è finito spesso in miseria. Interi Stati sono diventati debitori di una banca, la BCE. Se non paghi, al posto del mafioso, arriva la Troika, che è molto peggio. L’Europa politica si è trasformata in un incubo finanziario. Le nostre vite, dal mutuo della casa, alla caccia al cormorano, sono decise altrove da funzionari sconosciuti. Un’Europa surreale, comica, insostenibile che nessuno ha mai raccontato.