Teatro Valle occupato. Com’è triste la prudenza di Alfredo Milano


di | 26 Mag 2014

Il reportage sul Teatro Valle occupato. Uno dei tre video finalisti di Generazione Reporter: "Com'è triste la prudenza" di Alfredo Milano. "Il Teatro Valle occupato è nato dalla protesta di lavoratori e lavoratrici del mondo dello spettacolo. Tecnici, attori, danzatori, musicisti che hanno simbolicamente occupato uno dei luoghi più importanti della cultura romana e italiana. E l'hanno trasformato in un laboratorio artistico e politico che è in continua evoluzione.

Teatro Valle occupato

"Sperimenta un nuovo modello di istituzione, basato su una categoria giuridica assolutamente nuova e innovativa: i beni comuni. Questa nuova istituzione sta cercando e vuole rimettere al centro del dibattito politico e culturale alcuni principi fondamentali. L'accessibilità agli spazi culturali. La possibilità per i cittadini di prendere parte attivamente all'autogoverno di ciò che gli appartiene. In questo caso il Teatro. Ma soprattutto vuole restituire una casa agli artisti. Lo striscione che è appeso in platea dove è scritto 'com'è triste la prudenza' riassume il concetto di uno spazio e di un luogo dove si può immaginare l'impossibile".

Generazione reporter

Dal 2012 e per tre edizioni Michele Santoro e l'Associazione Servizio Pubblico hanno istituito un premio per videoreporter emergenti: Generazione Reporter. L’obiettivo è stato quello di promuovere talenti emergenti nell'ambito del giornalismo di inchiesta