Grandi (inutili) opere


di | 22 Mag 2014

L’Expo village era stato pensato per diventare la grande residenza per l’evento mondiale del 2015, ma oggi i lavori sono in ritardo e la nuova raffica di arresti rischia solo di bloccare ulteriormente la situazione. Lo stesso accade per i cantieri delle nuove fermate metro e della Via d’Acqua, canale navigabile di 13 km che avrebbe dovuto arrivare fino a Rho, il cui appalto era in mano all’imprenditore Enrico Maltauro, finito in manette dopo aver confessato di aver pagato tangenti. Dina Lauricella racconta come il sogno delle grandi opere milanesi, forse superflue e troppo ambiziose, sia rimasto quasi al palo.