Sanità e cemento: la Città della Salute


di | 22 Mag 2014

La cittadella della salute è stata pensata come un grande polo medico che dovrebbe sorgere sui terreni delle ex acciaierie Falck, con un investimento che supera i 350 milioni di euro. Ma secondo Paolo Crosignani, ex direttore dell’istituto dei tumori, si tratta di un progetto utile solo per arricchire gli speculatori: “È assurdo pensare di migliorare la sanità con l’edilizia, costruendo cemento”. Secondo i pm sarebbero state 10 le imprese in costante contatto con la cosiddetta “cupola degli appalti” per mettere le mani sul grande affare di Sesto San Giovanni. Il racconto di Walter Molino.