L’Inghilterra di Farage


di | 22 Mag 2014

Nigel Farage, leader dell’UKIP, il partito indipendentista del Regno Unito, si prepara sbaragliare gli avversari alle elezioni europee dei prossimi giorni, grazie a una campagna giocata sulla denuncia dei presunti crimini della “troika” e sulle politiche anti-immigrazione. Secondo i sondaggi è probabile che diventi il primo partito inglese, ma insieme al consenso crescono le critiche e le accuse di xenofobia, nonostante uno dei leader sia di colore. “Gli europei devono andare fuori dai piedi, qui ormai comandano le minoranze” raccontano i londinesi in un mercato di quartiere “vaffanculo l’Europa”. Il reportage di Andrea Casadio dal Paese che è diventato la culla dell’euroscetticismo.