Elisabetta Gualmini sulla corruzione: “Bisogna ascoltare i cittadini”


di , | 5 Giu 2014

Elisabetta Gualmini sulla corruzione endemica. La politologa, analizza la situazione attuale. "Le istituzioni devo dare ascolto ai cittadini. Bisogna vedere cosa dicono. E quando ci dicono delle cose? Quando votano. Lo scandalo del Mose è gigantesco perché ci sono dentro controllati e controllori, politici e imprenditori. Chiaramente è una situazione che grida vendetta. Però non bisogna far passare il messaggio che tutti siano ladri".

Elisabetta Gualmini sulla corruzione

"Questi sistemi di corruzione si alimentano quando il sistema politico è bloccato. Perché in Veneto c'è stato il sistema Galan e in Lombardia il sistema Formigoni? Perché quelle classi politiche pensavano di essere inamovibili, cioè di poter sempre vincere. Avevano costruito dei sistemi che non riuscivano ad essere scalfiti. A Venezia hanno fatto una legge ad hoc che consente incredibilmente di fare un appalto senza una gara pubblica. Ci sono sempre le deroghe, ci sono sempre le eccezioni. Nel nostro paese il problema sono i comportamenti e una cultura della legalità che è completamente assente. Le istituzioni devono dare ascolto ai cittadini".