Is, decapitate 3 donne curde. John Cantlie: “Con i raid non vincerete”

di | 30 Set 2014

Lo Stato Islamico annuncia la decapitazione di 4 miliziani curdi, fra cui 3 donne, nel giorno in cui l’ostaggio britannico John Cantlie è ancora protagonista nella seconda puntata della serie “Lend me your ears” firmata dall’esercito islamico. Questa volta l’attacco è diretto al presidente degli Stati Uniti: “Obama durante il tredicesimo anniversario degli attacchi dell’11 settembre – dice – ha chiarito la sua strategia per combattere lo Stato Islamico”.  Poi citando le parole del giornalista del New York Times, Peter Baker, Cantlie osserva che “Obama sta facendo precipitare gli Stati Uniti in uno dei conflitti più sanguinosi e tremendi”.  “Da parte sua, lo Stato Islamico, sarà ben lieto di affrontare l’armata di Obama”, conclude l’ostaggio britannico che, come di consueto, dà appuntamento alla prossima puntata

Guarda Anche

Archivio Guerra fra Mondi

La propaganda Isis in italiano: il documento che gira online

Ecco alcune delle 64 pagine del documento di propaganda sullo Stato Islamico, scritto interamente in…


[Esclusiva SP/ANTICIPAZIONE1] Parla Anonymous: “Così combattiamo l’IS in rete”

Un’anticipazione dall’intervista esclusiva realizzata da Francesca Di Stefano al collettivo Anonymous, in onda questa sera…


Pablo Trincia a Mersin fra i trafficanti di uomini

Un’anticipazione dall’inchiesta in onda questa sera a Servizio Pubblico: il viaggio di Pablo Trincia in…


Luca Bertazzoni in Libia, faccia a faccia con lo Stato Islamico

Un’anticipazione dal reportage esclusivo di Servizio Pubblico: il viaggio di Luca Bertazzoni e Roberto Pierbattisti…


Yemen: i bambini imitano la decapitazione dei 21 copti

Dopo i dubbi sulla veridicità delle immagini sollevati dagli esperti USA, il video che mostra…


Pilota giordano arso vivo: il video integrale e la propaganda dell’IS

Abbiamo deciso di pubblicare il video dell’esecuzione di Muadh al-Kasasibah, il pilota giordano sequestrato dall’IS…


Nuovo video dell’IS: dopo la violenza, la propaganda

John Cantlie, giornalista britannico preso in ostaggio dall’Isis nel 2012, è seduto dietro a una…


“Flame of war”: l’IS minaccia Obama con un trailer in stile hollywoodiano

A poche ore dalle prime ipotesi di un intervento americano via terra per detronizzare l’ISIS,…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati