Beppe Grillo su Genova. Dopo l’alluvione “Ci vuole l’esercito”


di , , | 16 Ott 2014

Beppe Grillo su Genova. “Quelli del PD vanno in televisione a dire che è colpa del TAR. Io voglio l’esercito a Genova. Deve essere in funzione dei cittadini non di questi cazzo di politici”. Grida il leader del Movimento 5 Stelle dal palco del Circo Massimo.

Beppe Grillo su Genova

Poi, in mezzo a suoi cittadini, è accerchiato dalla telecamere e cerca di divincolarsi, ma viene contestato da un gruppo di ragazzi. “Vieni a spalare” gridano e lui “Chiamate Renzi, i nostri parlamentari sono qui”. Più in là, a Borgo Incrociati, come dopo ogni alluvione, la gente cerca di rimettere insieme i pezzi e si sente abbandonata dalla politica: "Ci vogliono i soldi, delle parole non ce ne facciamo niente”.

La kermesse grillina al Circo Massimo

Il Movimento di Beppe Grillo è ancora antipolitica o è percepito come parte del sistema? La risposta tocca a Di Maio che, nonostante le smentite, emerge sempre più come personaggio carismatico del Movimento. “Siamo una comunità di persone che intende governare questo Paese tutti insieme, con tante teste pensanti ma nessuna testa di legno”. Nella kermesse del Circo Massimo sugli scudi anche Paola Taverna e Alessandro Di Battista, acclamati dai manifestanti, che sembrano impermeabili alle critiche che arrivano dal territorio. “Dicono che non ci hanno visto a Genova? Abbiamo fatto lì l’ultimo V-Day”. Poi la chiosa di Vito Crimi: “La nostra unica senatrice eletta è passata al gruppo misto. Sarà per questo che dalla Liguria si lamentano”.