Ex dipendenti Nokia “Le aziende non sono Onlus ma luoghi spietati”


di | 9 Ott 2014

"In questo Paese dove tutto è difficile, l'unica cosa facile è buttare voi in mezzo a una strada. Perché?", chiede Michele Santoro alle due ex dipendenti della Nokia Mara Cortellazzi e Mimma Gangi. "Capisco che la nostra azienda non sia una ONLUS. Sicuramente non deve fare beneficenza. Però tra considerarla Onlus e considerarla un'azienda spietata che assolutamente non considera le persone c'è una bella differenza. Ma il punto è questo: noi gliele lasciamo fare queste cose? Ma è possibile far sedere intorno allo stesso tavolo un rappresentante della Nokia e uno del Governo?", risponde Mimma. E alla fine l'invito di Michele Santoro, si rivolge ai 100 lavoratori licenziati. "Andate a Palazzo Chigi in 100 e vedrete che questa influenza dilagherà".

Le dipendenti Nokia

Mara Costellazzi: "Tutto è basato sul profitto. A volte anche noi ci chiediamo ma il profitto su che cosa? Sul giocare in Borsa? Il Governo dovrebbe fare la sua parte e noi dovremmo capire cosa vuole fare con il mondo del lavoro".