“Le aziende non sono Onlus ma luoghi spietati”

di | 9 Ott 2014

“In questo Paese dove tutto è difficile, l’unica cosa facile è buttare voi in mezzo a una strada. Perché?”, chiede Michele Santoro alle due ex dipendenti della Nokia Mara Cortellazzi e Mimma Gangi. “Capisco che la nostra azienda non sia una ONLUS. Non deve fare beneficenza. Però tra considerarla Onlus e considerarla un’azienda spietata che non considera le persone c’è una bella differenza”, risponde Mimma. E alla fine l’invito di Michele Santoro, rivolto ai 100 lavoratori licenziati: “Andate a Palazzo Chigi in 100 e vedrete che questa influenza dilagherà”

 

Guarda Anche

Archivio THE ITALIAN JOB

Volo vs Travaglio: “La legge su autoriciclaggio? Un godimento personale”

“Sono d’accordo con Marco Travaglio. E’ una legge che verrà fatta, perchè ci sono pressioni…


Nelle cucine di Mc Donald’s

A Modena decine di ragazzi sono in fila per il colloquio da Mc Donald’s. Ne…


Autoriciclaggio, che goduria!

“‘L’autoriciclaggio non è punibile quando il denaro, i beni o altre utilità’ – udite udite…


Vacchi: “Bisogna redistribuire la ricchezza con la patrimoniale”

“Alla Bettencourt nessuno le porta via un soldo ma tutti possono portare via il lavoro ai…


“Renzi? La Thatcher all’italiana”

2 ottobre, Renzi è in visita alla City. Cosa pensano di lui alla Guildhall di…


Piketty: “Tassare i super manager”

“Piketty lei propone ai super manager l’80% di tasse. Ma quando uno è così tartassato…


Vacchi: “Il passato sta mangiando il futuro”

“La ricchezza se vissuta in modo etico ha una funzione importante”, dice Vacchi parlando della…


Sara, licenziata dall’Apple: “Non sono differenti, mi hanno usato”

«Quando mi hanno offerto un contratto a tempo indeterminato, ho pensato: “ho vinto alla lotteria”»….


Piketty, l’alfiere della patrimoniale

“Bisogna aumentare le tasse sul patrimonio e abbassare quelle sul lavoro”: è questa la ricetta…


Le vignette di Vauro

Tornano le irriverenti vignette di Vauro! Renzi, Bersani, Alfano nessuno è risparmiato dalla matita toscana.


123

Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati