Sicurezza Ebola “Controlli in aeroporto? Costano 50 milioni, servono a niente”


di | 6 Nov 2014

Sicurezza Ebola. Maria Rita Gismondo si chiede se la somma di 50 milioni promessi dal Governo per rafforzare le misure preventive contro l'ebola siano la risposta giusta. E perché contro la sars non è stato fatto altrettanto. "Spendere cinquanta milioni per i controlli aeroportuali che durante la sars abbiamo visto sono serviti poco e niente. La gente per non essere fermata in aeroporto può prendere benissimo la tachipirina e non avere la febbre. Perché non dare quei soldi a persone che in loco stanno veramente combattendo l'origine di questo virus. Questo approccio farebbe bene anche al cittadino comune perché avvertirebbe il problema più "lontano". Invece abbiamo casi di fobia e di persone che si presentano in ospedale inventando di avere avuto contatti".

Gino Strada attacca Renzi

"Il Governo sta facendo poco. Molto poco, ma parole tante. Hanno stanziato cinquanta milioni di euro di cui la maggior parte per la sicurezza aeroportuale. Ma cosa si fumano queste persone? Di cosa hanno paura? Basterebbe chiedere al direttore dell'Istituto Spallanzani se pensano che nel giro di sei mesi i loro reparti saranno pieni. Risponderebbero subito ma certo che no! Per fronteggiare l'emergenza ebola il Governo dovrebbe mettere a disposizione il personale medico della protezione civile. Altri paesi hanno fatto molto di più. Noi di Emergency abbiamo impegnato medici ed infermieri inglesi: grazie a loro stiamo per aprire un centro con cento posti letto".