La notte di Monrovia

di , | 5 Nov 2014

La notte di Monrovia è senza luci. Nella capitale della Liberia, uno dei luoghi più colpiti dal virus ebola, non c’è un lampione acceso, gli unici fari che illuminano le strade sono quelli delle macchine. La città, già alle sette di sera, sprofonda nel buio più totale, in un’atmosfera surreale: un’anticipazione dal reportage di Pablo Trincia e Francesca Di Stefano da Liberia e Sierra Leone, in onda giovedì 6 novembre alle 21.10 nella nuova puntata di Servizio Pubblico.

Guarda Anche

Archivio Fra epidemia e psicosi

Come si sfida ebola nel centro di Emergency

Lakka, Sierra Leone. Il primo italiano colpito dal virus lavorava nel centro di Emergency, aperto…


Ebola: la squadra recupero cadaveri

Per la prima volta una troupe italiana racconta, con un viaggio in Sierra Leone e…


Morire a 8 mesi di Ebola

Poco fuori Monrovia entra in azione la squadra recupero cadaveri: la vittima del virus ebola…


Parla Paolo Setti Carraro, medico in quarantena per Ebola

Parla Paolo Setti Carraro, medico in quarantena per Ebola a Mariano Comense, dopo una serie…


George Weah: “Ciao a tutti belli e brutti. Aiutateci a salvare la Liberia dall’Ebola”

Il pallone d’oro milanista George Weah, nato nelle baraccopoli di Monrovia, chiede l’aiuto dei suoi…


Ebola, la preghiera di Gino Strada: “Aiutateci”

Per far fronte all’emergenza ebola in Sierra Leone, Emergency ha aperto un centro per la…


Disinfettanti e paura del contatto, così si vive a Monrovia

Disinfettanti e paura del contatto, così si vive a Monrovia: nella nuova anticipazione dal Diario…


Diario di Ebola/3: il controllo della febbre

Una terza anticipazione del reportage esclusivo di Pablo Trincia e Francesca Di Stefano da Liberia…


Viaggio nella baraccopoli di Monrovia

Un primo estratto dal reportage di Pablo Trincia e Francesca Di Stefano: il racconto della…


Diario di Ebola: Esclusiva Servizio Pubblico

Fra Liberia e Sierra Leone per raccontare l’epidemia che sta devastando l’Africa occidentale e creando…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati