Il degrado di Roma. Laurentino 38: vent’anni fa era già Tor Sapienza


di | 18 Nov 2014

Il degrado di Roma: vent'anni fa. Intellettuali, giornalisti, politici: tutti sembrano aver scoperto l'esistenza e il problema delle periferie dopo le ultime insurrezioni anti-immigrati, proponendo soluzioni e distribuendo responsabilità. Eppure c'è qualcuno che quel mondo lo racconta da anni: noi. Eccovi il racconto del quartiere Laurentino 38 realizzato per Michele Santoro da Riccardo Iacona, dove già vent'anni fa emergeva la destra razzista contro gli immigrati, la droga riempiva le strada e le case venivano occupate abusivamente. Una storia di degrado che attraversa gli ultimi due decenni.

Il degrado di Roma: Tor Sapienza oggi

In Viale Giorgio Morandi a dividere il centro d’accoglienza dai palazzoni dell'Ater c'è solo un marciapiede. Dentro i palazzi ci sono gli occupanti abusivi. Qui si vive in case-loculo, le strutture sono fatiscenti. I locali commerciali che dovevano dar vita al quartiere sono stati abbandonati e occupati: “Sembra di stare a Rebibbia” commenta una signora della zona, mostrando il suo appartamento. C'è anche un parroco ortodosso abusivo, dal 1997 occupa i garage dell'Ater "a fin di bene". Il reportage esclusivo.