Grillo sulla mafia “Non esiste più. In Campidoglio serve un commissario M5S”


di , | 11 Dic 2014

Beppe Grillo sulla mafia. Il leader del Movimento 5 Stelle è alla riunione dei gruppi parlamentari: "Renzi dice arrestiamo tutti ma poi vedi che il suo partito è dentro qualsiasi cosa. Cosa arresti, chi arresti? La Lega non è un piano b. Io non ce l'ho con Salvini ma ha fatto parte dell'establishment per sette otto anni. Hanno rubato come diceva il suo tesoriere. A me non interessa che uno rubi. Il marcio vero è la corruzione mentale. Questo falso pensiero che circola sempre, questa coscienza sporca. Chi se ne frega se uno ruba ma mi fa un capolavoro. Giulio Cesare poteva rubare. Ma questi qui non sono Giulio Cesare, sono ladretti di quarto tipo. Fanno appalti e subappalti con i mafiosi”.

Beppe Grillo sulla mafia

“Quando ero a Palermo a parlare di mafia e dicevo che veniva da Roma da vent'anni, non era un’invenzione. La parola mafia ci depista, perché ci ricorda qualcosa che non c'è più, la mafia non esiste più. Oggi un'associazione mafiosa è formata da politici, commercialisti, banchieri, magistrati, non c'è neanche più il mafioso”.