La deputata PD e quei contatti con Buzzi

di | 11 Dic 2014

Nella rete di Salvatore Buzzi è finita anche la deputata del PD Micaela Campana. L’uomo delle cooperative avrebbe fatto pressioni per ottenere un’interrogazione parlamentare su un appalto per un centro rifugiati bloccato da un giudice del Tar del Lazio. Gli inquirenti indagano su un messaggio partito dal cellulare della Campana e diretto a Buzzi che si chiudeva con un: “Bacio grande capo”. Paola Bacchiddu l’ha incontrata, ecco come le ha risposto.

Guarda Anche

Archivio Announo

Zingaro sono e lo sarò ancora di più

I giornali titolano sui rom, ma su Mafia Capitale fanno scarsi approfondimento. Perché se si…


Papà & Papà: storia di una maternità per altri da Roma agli USA

Nancy e la sua famiglia vivono in California, a 300 km da San Francisco, in…


Luca era gay. Ma ora vuole ‘curarli’

Andrea Casadio racconta la storia di Luca Di Tolve, ex attivista dell’Arcigay, che sostiene di…


Nancy, mamma surrogata: “Così ho partorito i figli di Tommaso e Gianfranco”

“È stato Ryan mio cugino gay a suggerirmi di fare la madre surrogata. Mi piaceva…


Extraordinary Conceptions: dove nascono i figli delle nostre coppie gay

California, nord di San Diego. Carlsbad è un villaggio di lusso dove prendono forma i…


Dentro il mondo di Ask.fm: fra seduzione e pornografia minorile

La nostra inviata Alice Martinelli ha provato a fingersi 15enne e a trascorrere diverse settimane…


Drogati dalla rete? Il reportage di Pablo Trincia dalla Cina

È una droga, ma non si sniffa né si fuma: si guarda. È la dipendenza…


[ANTICIPAZIONE ANNOUNO] Papà & papà: viaggio nel mondo delle coppie omogenitoriali

“Sono tutti e due papà” ammette candidamente il bimbo di una coppia di genitori maschi,…


Morire di cyberbullismo: la storia di Carolina

Nella notte tra il 4 e il 5 gennaio 2013 Carolina Picchio, 14 anni, si…


Dentro la carne: l’inchiesta choc sugli allevamenti intensivi

Nel buio della pianura Padana, dentro a immensi capannoni, si cela un orrore di fronte…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati