De Angelis sul Quirinale: nel nome di Romano Prodi


di | 29 Gen 2015

Alessandro De Angelis racconta come Stefano Fassina abbia sondato tra quelli del Movimento Cinque Stelle i nomi di Romano Prodi, che sarebbe un pericolo per Renzi e Pierluigi Bersani, che tra i pentastellati prende sempre più corpo come nome. I retroscena della politica raccontati da Nazareno Renzoni."Dice un bersaniano, noi siamo felici di votare Mattarella ma se i cinque stelle iniziano a votare Prodi durante le prime votazioni quando noi votiamo scheda bianca? A quel punto che facciamo?"  

Gad Lerner su Romano Prodi

L'analisi del giornalista sulla corsa per il Quirinale. "Se l'Italia dovesse ragionare in termini di geopolitica, ossia di quello che sta succedendo in Europa e nel mondo. Come la guerra in Ucraina, la necessità di rinegoziare il nostro debito a Bruxelles, Francoforte e Berlino. E ancora il problema della sponda sud del Mediterraneo con la Libia in fiamme. Se uno guarda a questa dimensione internazionale forse il nome di Romano Prodi è quello di uno che aveva visione e credibilità e contatti in quella direzione geopolitica. Guarda caso è stato scartato in partenza. Questo secondo me è un errore". La replica di Giuliano Ferrara: "Il Presidente della Repubblica non può fare nulla di quello che stai dicendo, andrebbe fuori dalla Costituzione. La politica estera la fanno il Presidente del Consiglio e il ministro degli Esteri. Non siamo mica nel fascismo".