Di Maio sulla Campania “Lo Stato ha fatto più danni della camorra”


di | 12 Feb 2015

Luigi di Maio sulla Campania. L'analisi del vicepresidente della Camera: "I cittadini devono sapere la verità. L'economia agricola di quella zona è stata distrutta in mancanza di dati reali. Ma bisogna dire che ci sono zone della Campania che sono sane, che possono produrre. Questa è chiarezza. Le grandi multinazionali che compravano ortaggi dalla Campania hanno messo in ginocchio le piccole aziende agricole. Hanno fatto un cerchio e hanno detto da questa aerea geografica non deve arrivare più niente".

Luigi Di Maio sulla Campania

"C'è stata una sentenza storica in Campania. Il Processo Carosello ha dichiarato per la prima volta il reato di disastro ambientale. Un reato presente nel nostro disegno di legge che spero verrà approvato durante questa legislatura. Questo processo ha condannato i Pellini di Acerra, gente che ha inquinato quel territorio. Il processo è nato grazie alle denunce dei pastori locali che avevano visto sterminate le loro pecore per colpa della diossina".

"I cittadini salveranno la loro terra"

"Da questa sofferenza sta nascendo un movimento di cittadini che sarà in grado di salvare quella terra. Per questo dico che gli italiani sono pronti e sanno quali sono le priorità. Sono i governi che non riescono ad intercettare quelle priorità. La legge sui reati ambientali manca in questo paese da vent'anni ed è nata su iniziativa di un nostro deputato Salvatore Micillo".