Sgarbi su Mattarella. È il fratello gemello della Bindi.


di | 5 Feb 2015

Sgarbi su Mattarella e le decisioni dell'ex Cavaliere. "Tutti i fedelissimi di B. l’hanno tradito e nessuno ha rispettato le sue volontà. Questi tradimenti dimostrano che le liste bloccate non servono a nulla. Scegliersi chi gli sarà vicino non vuol dire che gli sarà leale. Il primo vicino era Alfano e l'hai visto. Il secondo vicino era Fitto e lo vedi. Il terzo vicino è Verdini ed è uno scandalo che la sua figura possa rappresentare la politica. Le liste bloccate forse servono solo a Verdini che, se si candida, non prende un voto".

Sgarbi su Mattarella

"Quando Renzi ha tirato fuori il nome di Mattarella esibendolo come un santo, un Papa laico, Berlusconi ha fatto bene a dire no. Ma quando era all’angolo doveva dire ‘Mattarella è anche il mio candidato'. Mattarella è il presidente non popolare per natura però con qualche merito, è una persona colta con una lunga storia seppur dissimulata. Lui è il fratello gemello di Rosy Bindi inespresso".

Sgarbi contro Verdini

"C'è un'ipervalutazione di Denis Verdini. Io lo conosco e l'ho frequentato come una persona che si occupava di giornali e ad un certo punto arriva in Parlamento. Durante i primi quattro anni in Parlamento non ha mai parlato con Berlusconi. A me che ero un veterano chiedeva di presentarglielo. Quando finalmente Verdini conquista il potere, lo fa con l'atteggiamento che ha lui ossia avere un vantaggio da questo potere. Il Cavaliere gli ha permesso tutto per comune opportunità. Ma pensare che Berlusconi è ricattato da Verdini vuol dire sottovalutare Berlusconi. Verdini dovrà tutto a Berlusconi. E se Verdini va da solo o va con Renzi, sparirà perché non ha peso politico e non ha dignità morale.