Cantone: “Al posto di Lupi mi sarei dimesso? Non mi ci sarei mai trovato”


di | 19 Mar 2015

“Quanti Incalza ci sono in Italia? Tanti. Parliamoci chiaro: la corruzione in questo Paese ha caratteri endemici. Lei pensa che una malattia endemica si possa cambiare attraverso un’Autorità che opera con poteri amministrativi?” A parlare è Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione. Chiamato a commentare il recente scandalo degli appalti sulle Grandi opere pubbliche, dice: “Una legge ben scritta sugli appalti serve molto più di 2 milioni di intercettazioni. La legge Obiettivo del 2001 che concedeva il potere al direttore dei lavori di essere nominato dall’impresa è una legge criminogena”. E sul caso Lupi: “Al posto suo mi sarei dimesso? Non credo mi ci sarei mai trovato”.