Primikiris di Syriza: “Il popolo greco cavia dell’Europa”


di | 26 Mar 2015

Primikiris di Syriza: "Il popolo greco è stato trattato come un animale da cavia per portare avanti le politiche neoliberiste. Questa è la realtà. Con l'austerità hanno portato un paese nel giro di cinque anni nell'assoluta povertà. Dal 2012 i lavoratori hanno perso il 45% del loro salario però hanno pagato più tasse. Noi abbiamo speso tutta la nostra ricchezza per pagare i nostri debitori. Ma il debito pubblico in questi anni di austerity è aumentato al posto di ridursi. Se non c’è sviluppo, se non ci sono soldi, come fai a pagare i debitori?”

Il costo del lavoro

Il fondatore di Syriza continua la sua critica all'Unione europea: "In questi anni le politiche attuate dall'Europa hanno avuto un unico obiettivo: abbattere il costo del lavoro. Questo è il vero problema. Non siamo competitivi con altri paesi fuori dall'Europa. Con la Cina con l'India. I lavoratori costano, così dicono. La prima preoccupazione per loro è abbassare il costo del lavoro. Il secondo obiettivo è smantellare lo stato sociale".

Primikiris sulla classe operaia

"Serve un nuovo soggetto politico per difendere la classe operaia in Italia. Il problema non è soltanto la questione economica in Europa, ma è la necessità di far crescere la qualità del lavoro nei Paesi del sud Europa: Spagna, Italia, Grecia".