Luigi Muro e quell’offerta di B. e Verdini. L’intervista di Bertazzoni


di | 7 Apr 2015

Luigi Muro. Nelle parole di Francesco Simone, grande accusatore dello scandalo Cpl Concordia ed ex potente capo delle relazioni istituzionali del colosso modenese, è "il facilitatore". Ma Luigi Muro, ex sindaco di Procida oggi indagato per corruzione, ha alle spalle una lunga carriera politica. È nel 2011, durante la sua avventura parlamentare con il Pdl, che per la prima volta il suo nome sale alla ribalta. Gianfranco Fini ha abbandonato da mesi il partito di Silvio Berlusconi, fondando Futuro e Libertà e indebolendo la base parlamentare del governo. Ogni singolo deputato diventa decisivo.

L'offerta a Luigi Muro

I vertici del partito non vogliono che Muro abbandoni il Pdl per ingrossare le file finiane. E così, come racconta nell'intervista a Luca Bertazzoni, si muovono direttamente Verdini e il Cavaliere. "Mi dissero di chiedere 5 cose che volevo, perché avrebbero cercato di accontentarmi. Cose di che tipo? Incarichi e consulenze. Non so se si possa dire che cercarono di comprarmi. Mi offrirono delle opportunità per cambiare le mie convinzioni".