Rom e case popolari: il falso mito delle graduatorie

di | 2 Apr 2015

L’eurodeputato della Lega Nord, Mario Borghezio, è lapidario: “I nomadi rubano posti nelle graduatorie ai nostri connazionali”. L’attrice Dijana Pavlovic, portavoce della Consulta rom e sinti di Milano, dà un’altra versione: “Ci sono rom che aspettano una casa popolare da 15 anni. Parliamo di cittadini italiani a tutti gli effetti. Basta alimentare tensioni: i quartieri vengono abbandonati per errori della politica. Finchè non diventano bombe sociali, nessuno se ne occupa”.

Guarda Anche

Archivio HAI MAI VISTO LA PERIFERIA?

Sgomberi al campo rom di via Salone: “Ci mettono per strada”

Continuano gli sgomberi al campo nomadi di via Salone, nella zona di Roma est. La polizia…


“Una giornalista di Mattino 5 mi ha pagato per dire che guadagno 1000 euro al giorno rubando”

È l’8 aprile. Matteo Salvini è ospite a Mattino 5, contenitore mattutino della rete ammiraglia…


“Costruiamo una politica sociale, non solo edilizia”

Stefano Boeri, architetto ed ex assessore alla Cultura di Milano, illustra le sue soluzioni per…


Milano, vite di periferia: il racket delle occupazioni

Dalle case popolari di Lorenteggio a quelle di San Siro. Qualche chilometro di distanza, stessa…


Milano, vite di periferia: la storia di Anna

Lontano dai nuovi grattacieli di Milano, c’è la periferia con le sue case popolari, una…


Casa Salvini [Parte 4]

Le ronde, le case occupate, il degrado: dalla periferia di Milano alla Romania, a casa…


I ragazzi delle ronde anti-abusivi

Da San Siro al Giambellino, da Lorenteggio al quartiere Molise Calvairate: i residenti delle case…


Boeri vs Borghezio: “Sulle case popolari la Lega non può nascondersi”

“Le case popolari a Milano sono un problema. E il centrodestra, che ci ha marciato…


Casa Salvini [Parte 3]

La terza parte del reportage di Servizio Pubblico Più.


Tutti uniti contro lo sgombero

Milano, quartiere San Siro. La polizia sgombera una famiglia romena da una casa popolare occupata…


12

Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati