Paese infinito o Paese finito? Un viaggio nel renzismo


di | 7 Mag 2015

Paese infinito o Paese finito? Dopo il coro unanime di elogi per l’Expo, cui si è accodato recentemente anche il tradizionalmente ostile “The Economist”, Matteo Renzi torna a tessere i fili della sua narrazione. Chi non è d’accordo è “un frenatore”, l’Italia si rimette in moto “perché le vogliamo bene”. E perché a fermarla non bastano “quattro teppistelli figli di papà, né chi dice sempre no”.

Renzi tra consensi e contestazioni

Ma se a Venezia le voci di dissenso sono poche e facili da ignorare, a Bologna la polizia è costretta a manganellare i contestatori che vogliono interrompere il comizio del premier. Eppure la celebrazione per i 70 anni dalla Liberazione va avanti. Così come la riforma della scuola, nonostante i manifestanti che fischiano e accusano Renzi di portare avanti politiche di destra. Il premier continua a correre e arriva a Milano, dove è atteso per il debutto in Borsa e trova consensi. “Contraddittorio?” domanda Enrico Marchi, presidente del gruppo SAVE “fino a oggi ce n’è stato troppo e non si faceva nulla”. Un racconto di tre città, una radiografia dell’Italia in cui è impossibile non dirsi renziani.