Tutti con Sandro

di , | 7 Mag 2015

Michele Santoro e Sandro Ruotolo insieme. Il nostro vicedirettore racconta le minacce ricevuto dal boss del clan dei Casalesi, Michele Zagaria: “In un’intercettazione ambientale in carcere Zagaria disse di me: “Lo voglio squartato vivo, deve morire”. Ai tempi di Massimo D’Alema, lo slogan era: l’italia è un Paese normale. In quel Paese normale, venne uccisa mia cugina Silvia: stava portando a scuola suo figlio, quando si è trovata in mezzo a una sparatoria tra due clan. A quel punto mi chiesi, in che Paese viviamo?” Santoro conclude: “Intorno a Sandro non c’è solo una scorta, c’è il pubblico”.

 

Guarda Anche

Archivio Santoro

Liberté, Égalité, Fraternité

Che senso hanno le parole Libertà, Uguaglianza, Fraternità, senza la speranza di poterle ottenere davvero?…


ROSSO DI SERA: Perché questo colore?

“Oggi voglio fare una battaglia di minoranza: ecco perché il colore rosso. Non è nostalgia…


ROSSO DI SERA: Una serata dedicata a voi

“Rosso di Sera è un’operazione di restituzione simbolica dell’aiuto che abbiamo avuto dal pubblico per…


ROSSO DI SERA: Renzi ci sarà?

“Se Renzi decidesse di affacciarsi su questa piazza, anche da palazzo Chigi, noi saremmo soltanto…


ROSSO DI SERA: Michele Santoro e la censura

“Perché parlo di censura? Guardate dove sono oggi i censurati dell’editto bulgaro. Non mi risulta…


ROSSO DI SERA: ecco chi sarà in piazza con noi!

Michele Santoro presenta l’elenco degli ospiti che saranno con noi sul palco di Rosso di…


Michele Santoro presenta ROSSO DI SERA

Michele Santoro presenta Rosso di Sera, l’ultima puntata speciale di Servizio Pubblico in diretta da…


Zingaro sono e lo sarò ancora di più

I giornali titolano sui rom, ma su Mafia Capitale fanno scarsi approfondimento. Perché se si…


“A Firenze mi tremeranno le gambe”

Michele Santoro lancia l’appuntamento a Firenze il 18 giugno: 
”La mia vita è stata una…


Santoro & Vauro: anteprima con vignette

La prima novità della nuova edizione di Announo è l’anteprima di Michele Santoro, arricchita dalle…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati