Roberto Saviano sulle regionali: “Con questa classe dirigente non c’è futuro per il Sud”


di | 1 Giu 2015

Roberto Saviano sulle regionali. Lo scrittore commenta la situazione politica nel meridione: "Renzi sta con De Luca e non gli interessa che non possa governare. Il Sud non pesa più nel dibattito politico, nonostante la Campania sia la regione più popolosa.  Spesso gli esponenti della classe dirigente del Sud vengono scelti per la loro lealtà. Il Sud non interessa più è ignorato dalla politica italiana. Perché? Perché tanto la popolazione emigra. I problemi lì si risolvono da soli".

Roberto Saviano: il mio invito a non votare

"Il mio invito a non votare era ma perché dobbiamo stare in una logica del genere. Se qualcuno ama l'operato di De Luca bene che lo vada a votare. Ma qui non c'è stato un percorso nuovo. Qualcuno conosce le idee nuove per la Campania che sono state proposte? In fondo il problema è molto più vasto, la selezione della classe dirigente non avviene con criteri in grado di valutare la competenza, la creatività e l'innovazione. 'Io ti scelgo perché so che mi sarai leale e perché so che tu senza di me sei fuori dai giochi. Se si continua a selezionare in questo modo la classe dirigente del sud, non ci sarà nessun nuovo percorso".