Tomaso Montanari: Firenze, o la svendita della Bellezza

di | 19 Giu 2015

Tomaso Montanari attacca la politica culturale del governo Renzi: “Riconoscete questo storytelling, fra Wanna Marchi e Matteo Renzi? Vi voglio far vedere come il patrimonio culturale è stato usato come arma di distrazione di massa. Mentre si sventrava Firenze con la TAV, Matteo Renzi lanciava l’operazione per ricostruire la facciata di San Lorenzo. Non sarebbe mai stato fatto, non l’avrebbe mai fatto. È stata un arma di distrazione massa. Per non parlare della concessione alla Ferrari di Ponte Vecchio per 60.000 euro”.

Guarda Anche

Archivio ROSSO DI SERA

“Siamo soldati di un’avventura che si chiama libertà”


L’ultima, trascinante, esibizione di Rosso Di Sera: Teresa De Sio reinterpreta Bella Ciao mentre, sulla…


Fincantieri e Smith Bits: storie di lotta


Fincantieri, Smith Bits: due storie, due aziende, una battaglia. Gli operai Andrea Marmelli e Pierpaolo…


Renzi all’inferno: il rosso Vauro e le sue vignette!

Più rosso non si può: Vauro torna al fianco di Michele Santoro per quest’ultima puntata…


C’è Mannarino a Rosso di Sera! Ecco “Scendi giù”


Alessandro Mannarino ha raccolto l’invito di Michele Santoro e ha portato in piazza a Firenze…


Alba Parietti: “Don Gallo, servo degli ultimi
”

Alba Parietti ricorda Don Andrea Gallo, prete di strada, sacerdote degli ultimi: “Ho conosciuto un…


Landini: “FORZA LAVORO!”


Maurizio Landini viene accolto dalla piazza che ribolle e si lancia all’attacco delle idee di…


J-Ax, Santoro e…Peyote!


J-Ax, dopo aver infiammato la piazza con le note di Maria Salvador, canzone contenuta nel…


Maria Salvador, Rosso di Sera balla con J-Ax!


J-Ax infiamma la piazza: sulle note di Maria Salvador, canzone contenuta nel suo ultimo album…


Carla Fracci danza sulle note di Nicola Piovani


Svelata la sorpresa Michele Santoro per Rosso di Sera: È Carla Fracci, che danza sulle…


Nicola Piovani e “Viaggi di Ulisse”


Un momento unico: Nicola Piovani porta le note della sua composizione “Viaggi di Ulisse”, da…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati