La signora Lucia contro Appendino sugli sgomberi: ‘Affronta il problema’


di | 17 Ott 2016

Contestazione a Torino verso la giunta Appendino per lo sfratto di Said Khadouj insieme alla moglie e ai 3 figli. La famiglia, in lista d'attesa per l'assegnazione di una casa popolare, occupava un alloggio di proprietà dell'immobiliarista Giorgio Molino. In difesa degli sfrattati sono intervenuti gli attivisti del centro sociale Askatasuna che hanno portato la protesta anche in Comune. La 70enne Lucia Preve, che in questi giorni sta dando ospitalità alla famiglia Khadouj, grida: "Signori del M5S, voi che avete sempre cercato il dialogo con la gente non scappate davanti al problema di questa famiglia che sto ospitando a casa mia. Parlate di cose assurde, di cose non essenziali. Qui c'è un problema umano, di bambini che sto ospitando a casa mia. Chi si prende questo impegno? E voi ve ne fregate".