Ruby, Berlusconi denuncia olgettina per tentata estorsione


di | 17 Nov 2016

"Dopo aver subito per anni le pressanti richieste di soldi delle ragazze delle cene di Arcore. Documentate da intercettazioni a volte imbarazzanti. Silvio Berlusconi ha detto basta e per la prima volta dall'inizio nel 2010 dell’inchiesta Ruby ha denunciato una di loro". A riportarlo è il Corriere della Sera. L'olgettina in questione è Giovanna Rigato, di 35 anni, che sarebbe accusata dalla Procura di Milano di tentata estorsione per aver chiesto all’ex Cavaliere un milione di euro "per non rivelare alla stampa e ai pm informazioni in grado di danneggiarlo".

Ruby Ter

Giovanna Rigato è imputata di corruzione in atti giudiziari a Treviso in uno dei filoni in cui è stato diviso il processo Ruby Ter. Come le altre 20 ragazze "anche lei non avrebbe detto la verità quando ha testimoniato nei processi Ruby e Rubi Bis negando di aver assistito ad Arcore ai balletti dal sapore hard". A differenza delle altre ragazze come spiegava anche lei nel 2012 non ha mai ricevuto soldi direttamente da Berlusconi. Neppure i 2.500 euro che per un lungo periodo l’ex Cavaliere ha elargito ogni mese per “risarcire” le ragazze dei danni subiti a causa delle inchieste. A luglio scorso, Rigato si sarebbe presentata ad Arcore in compagnia di un amico per un colloquio. Chiedendo prima 500mila euro e poi un milione. La minaccia sarebbe stata rivolta a uno dei legali del leader di Forza Italia che poi ha presentato denuncia. Un'accusa, quella che le olgettine prendevano soldi da Berlusconi, arrivata anche da Francesco Chiesa Soprani. Ex agente di Marysthell Polanco. Nella puntata di Servizio Pubblico dell'11 aprile 2013 ai microfoni di Sandro Ruotolo dice: "La Polanco ha partecipato al bunga bunga. Non era burlesque. Le olgettine hanno avuto rapporti sessuali con Berlusconi. Quelle ragazze sono state pagate per stare zitte. Io Marysthell Polanco la conosco dal 2001 e l'ho aiutata quando è stata espulsa dall'Italia. Secondo lei non mi avrebbe detto la verità?".