Pizzarotti: “Caso Raggi? Il M5S deve cambiare la selezione della classe dirigente”


di | 27 Gen 2017

Federico Pizzarotti interviene a Italia sulle ultime vicende che hanno coinvolto il M5S a Roma: "Serve fare un percorso di selezione della classe dirigente che non premi gli yes man. A Roma il M5S paga lo scontro fra gli storici attivisti e la Raggi. Rispetto alla panda rossa di Marino l'indagine sulla sindaca è molto più grave. Serviva creare degli amministratori competenti, quale percorso sta scegliendo il Movimento Cinque Stelle per selezionare una futura squadra di Governo? I miei problemi con il Movimento nascono da queste mie richieste a Di Maio, volevo un confronto per capire come migliorare la nostra classe politica. Non dobbiamo usare gli slogan come fanno tutti, l'Italia ha bisogno di dirigenti seri e preparati".

Caso Raggi

La sindaca Virginia Raggi è indagata dalla procura di Roma per abuso d'ufficio e falso in relazione alla nomina a capo del Dipartimento turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele, ex capo del personale. La Raggi è indagata, sempre per abuso d'ufficio, anche per la promozione di Salvatore Romeo passato da funzionario del dipartimento Partecipate, con stipendio di trentanove mila euro annui, a capo della segreteria politica della sindaca con relativo aumento di stipendio a 110 mila euro, poi ridotti a 93 mila dopo l'intervento dell'Autorità Nazionale anti Corruzione.