ISIS Italia: Youbi e Anas così si diventa jihadista nel nostro Paese


di | 8 Giu 2017

ISIS Italia: le storia di Oubi e Anas, così si diventa jihadista nel nostro paese. Zakaria Youbi, 25enne marocchino da anni residente a Vobarno, è stato imbarcato nel giugno 2017 su un volo per il Marocco. Il ragazzo è stato arrestato nel corso di una operazione dei Carabinieri del Ros e sarebbe sospettato di essersi radicalizzato a seguito della propaganda Isis. Il giovane sarebbe stato in contatto con Anas El Abboubi, espatriato nel 2014 per raggiungere la Siria. Proprio monitorando l’entourage di quest'ultimo, gli investigatori sono arrivati ad accertare la pericolosità del primo. Per lui è stato firmato un decreto di espulsione da parte del ministero dell'Interno.

Il contatto con Anas

Come si diventa "potenziali terroristi" in Italia? Come si inizia il percorso di radicalizzazione in rete, e come matura la scelta di sposare la Jihad. Quanto sono pericolosi i seguaci dell'Isis che passano lungo lo stivale, terra cerniera nel mezzo del Mediterrano?  Tutto questo è stato raccontato da Maddalena Oliva in un reportage di Servizio Pubblico. La storia della nascita dell'estremista Isis della porta accanto arriva da Vobarno. Zakaria Youbi, 25enne marocchino da anni residente nel piccolo comune della Val Sabbia nel Bresciano, è stato imbarcato nel giugno 2017 su un volo per il Marocco. Il ragazzo è stato arrestato nel corso di una operazione dei Carabinieri del Ros. Sarebbe sospettato di essersi radicalizzato a seguito della propaganda Isis. Nel 2014 era già partito un altro ragazzo per la Siria. Anas El Abboubi era il migliore amico di Youbi. Loro erano amici, "fratelli"
Youbi appare in queste immagini esclusive di un'inchiesta di Servizio Pubblico mentre intimava alla giornalista Maddalena Oliva di indossare il velo. È la fotografia di una Guerra Santa che cresce nelle valli lombarde, un territorio rurale che è diventato in questi anni culla di un Islam radicale. Secondo gli investigatori, "una pantera dei potenziali terroristi di domani". Per i carabinieri del Ros Youbi ha svolto "una incessante attività di proselitismo nei confronti di altri giovani". "Sia fatta la volontà di Allah" ha detto ai militari che sono andati a prenderlo.