I Riva e l’isola del tesoro

di | 31 Mag 2013

Dopo che Riva Acciaio ha annunciato la chiusura di sette siti produttivi dove lavorano circa 1400 persone, ripercorriamo la vicenda dei padroni dell’Ilva di Taranto. Lo scorso maggio la procura di Milano ha sequestrato all’imprenditore dell’acciaio Emilio Riva e al fratello Adriano un miliardo e duecento milioni di euro, che s’ipotizza siano stati portati illegalmente all’estero. Gli inquirenti hanno dovuto ricostruire una complessa architettura societaria e viaggiare fino Jersey, nel mezzo del Canale della Manica: un paradiso fiscale, l’isola del tesoro.

Archivio Dragoni

Finmeccanica, gli ex vertici condannati in appello

L’ex presidente e amministratore delegato di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, è stato condannato in appello per corruzione…


Dragoni: pochi ma ricchi

Anche Gianni Dragoni sale sul palco di Rosso di Sera e ci racconta una realtà…


Pasticcio pensioni: e ora chi paga?

Gianni Dragoni analizza le mosse del governo dopo la decisione della Consulta sulle pensioni, che…


Marchionne, ma quanto guadagni?

Mentre si decide come e a chi restituire i soldi e a chi no, abbiamo…


Salvini vuole il blocco navale. Anche se costa 5 volte Mare Nostrum?

Matteo Salvini vuole fare un blocco navale davanti alla Libia e il governo non lo…


Il tesoretto di Renzi: un’arma di distrazione di massa?

Matteo Renzi dice che nel Def c’è un tesoretto di 1,6 miliardi, grazie alle nuove…


Se Legacoop ha più dipendenti di Fiat-Chrysler

Gianni Dragoni passa ai raggi x il sistema delle cooperative: ecco tutti i numeri che…


700 anni per una casa popolare

In Italia manca da 30 anni un piano di edilizia economica e popolare. Perché non…


Banca Intesa: è maxi evasione?

Paola Bacchiddu e Gianni Dragoni spiegano il ruolo di Eurizon: l’ipotesi è il mancato versamento…


Dragoni: “Tronchetti Provera: da “nuovo Agnelli a Pilelli”

Chi è Marco Tronchetti Provera? E cosa ci ha guadagnato nella vendita di Pirelli al…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati