Il Giornale condannato per diffamazione

di | 29 nov 2011

Il 10 novembre scorso, il Tribunale Civile di Roma ha condannato per diffamazione la società editrice de “Il Giornale”, il giornalista Giancarlo Perna e l’allora direttore responsabile Maurizio Belpietro al risarcimento dei danni e al pagamento delle spese legali in favore di Michele Santoro. In un suo articolo, Giancarlo Perna aveva attribuito a Michele Santoro la responsabilità morale del suicidio del maresciallo dei carabinieri Antonino Lombardo – avvenuta, sostiene il giornalista, a causa della conduzione di Santoro della puntata di Tempo Reale del 25 febbraio 1995.

Archivio

[ESCLUSIVO] NAPOLI, OMAGGIO DEL QUARTIERE AL BOSS DI FORCELLA

Emanuele Sibillo, il giovane boss ucciso in un agguato lo scorso luglio, si è reincarnato…


Soru condannato: tutto nasce da una nostra inchiesta

Come è legata un nostra vecchia inchiesta alla condanna a 3 anni di reclusione per…


Saviano: “Renzi tace perché il sud è dimenticato”

Roberto Saviano  sulle primarie in Campania: “Sono una barzelletta e non bisogna andare a votare…


L’intervista a Gaetano Vassallo, l’ex “ministro dei rifiuti” del boss dei Casalesi

A Caivano non è cambiato nulla, e così a Giugliano e negli altri 52 comuni…


Ciao Emiliano

“Probabile che ti stessero aspettando”, gli disse al suo arrivo al Fatto quotidiano un anziano…


No Tav: Alta voracità

Marco Travaglio ripercorre la storia della ferrovia Torino-Lione e illustra le conseguenze del progetto TAV….


Dario Fo: “I soldi della casta? Guai a chi li tocca”

Sandro Ruotolo intervista Dario Fo e Franca Rame.


Dario Fo: “Al ladro!”

Un estratto dell’intervento di Dario Fo alla notte dell’Onestà.


Franca Rame: “Quando Celentano portò il mio spettacolo Lo stupro in tv”

Franca Rame, moglie di Dario Fo, racconta di quando con l’aiuto di Adriano Celentano portò…


“Quando un giorno non sarò più senatore, andrò all’isola dei famosi con Berlusconi”

Cosa pensa il senatore Antonio Razzi della crisi di Forza Italia e del suo leader…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati