Ritorno a Rosarno

di | 14 gen 2012

A Rosarno, due anni dopo la rivolta degli immigrati, tutto è come prima. Ogni giorno, alle 5 del mattino, centinaia di persone si ritrovano per strada alla ricerca di lavoro. Se sono fortunati passa il caporale che li carica sul camioncino: 25 euro al giorno per raccogliere le arance nei campi. Ma quando il lavoro non c’è, tornano da dove sono venuti. Una vecchia scuola alle porte della città o ruderi abbandonati che hanno occupato: senza luce, senza acqua, senza niente.

Archivio PUNTATA

Riempire il vuoto

Il governo ha presentato i correttivi alla manovra. “Adesso è più equa”, come sostiene il…


La Telefonata di Diego Della Valle

Diego Della Valle chiama al telefono per rispondere alle critiche di Gianni Dragoni, il quale…


Di Pietro contro il Governo

“Faremo, faremo e faremo! Parlate sempre al futuro! Non potete fare come quando eravate professori!…


Una manovra iniqua

Antonio Di Pietro parte subito all’attacco del governo Monti: “La manovra è iniqua perché consente…


Spese militari, una follia globale

Gino Strada si indigna: “L’intervento in Afghanistan costa un miliardo di euro all’anno. Le spese…


Padre Indignato della Santa Indignazione

“Buon Natale una sega, Pecorello Michele!”. Padre Indignato è disgustato: “Passa la manovra e tutti…


Buon Natale!

“Buon Natale a chi viaggia in terza classe!” Perché c’è sempre chi sta peggio degli…


Aumentano le tasse, calano i servizi

Franco Zorzo, sindaco del piccolo comune di Tombolo, in provincia di Padova, contesta la manovra…


Le vignette di Vauro

In quest’ultima puntata di Servizio Pubblico prima di Natale, Vauro fa gli auguri ai ferrovieri…


Backstage

Volete sapere cosa è successo dietro le quinte della ottava puntata di Servizio Pubblico, la…


Un treno lungo una notte

Una volta esisteva il treno notturno Crotone – Milano. Ora, se da Crotone vuoi arrivare…


123

ULTIMA PUNTATA

Sciamaninn Let’s go

La ventiseiesima puntata di Servizio Pubblico