Terra dei fuochi

di | 11 Nov 2013

“A Pozzuoli non c’è paura per il bradidismo (un lento movimento di sollevamento e abbassamento del suolo, ndr), se non durante le scosse di terremoto. La vera paura è sempre stata quella di essere truffati dalle istituzioni”. Sergio Mantile, sociologo, riassume così lo spaccato di vita che i napoletani affrontano quotidianamente con una città che poggia ai piedi del Vesuvio e le caldare dei campi flegrei in movimento. Dal fuoco di sotto, quello della lava che viaggia nelle viscere del cratere, a quello di sopra, della cosiddetta ‘Terra dei fuochi‘ il passo è breve. Ma in quest’area a spaventare di più sono le speculazioni edilizie e la diffidenza dei cittadini nei confronti di un’eventuale rischio vulcanico. “Dopo il primo bradisismo – spiega Mantile – crearono il Rione Toiano, dopo il secondo Monteruscello. Hanno prodotto talmente l’idea che era giusta l’occasione per fare speculazione edilizia, per arricchirsi, per una deregulation generale, che nessuno crede più che possa succedere qualcosa”. “Poi ci sono i medici che – sottolinea il sociologo – si appuntano sul fatto che non ci sia un nesso direttamente provato tra i veleni della terra dei fuochi e l’aumento esagerato dei tumori: questo atteggiamento contribuisce certamente a questa mentalità generale in cui è tutto opinabile”. Eppure, almeno da questo punto di vista, soprattutto negli ultimi tempi il livello di consapevolezza dei cittadini è sicuramente aumentato. Lo spiega Gianmaria Tammaro, uno dei promotori della mobilitazione #stopbiocidio-#fiumeinpiena. “Sono vent’anni che ci sono comitati, persone, cittadini singoli che hanno studiato e vissuto questo problema sulla loro pelle. C’è informazione su quello che succede”. “Certo – aggiunge – se la passione che i napoletani hanno per il calcio ci fosse anche nei confronti del proprio territorio saremmo la città più grande del mondo. Sono convinto, però, che le cose cambieranno. Il pallone non sarà l’unico sfogo di questa terra. Sarà la terra stessa”  di Andrea Postiglione

Archivio IL FATTO QUOTIDIANO

Jebreal: “I sauditi? Ora esportano più ideologia ed estremismo che petrolio”

La giornalista Rula Jebreal racconta la polveriera mediorientale e i difficili equilibri nell’area: “I sauditi…


[ESCLUSIVO] Ecco il foreign fighter a cui gli arrestati in Lombardia si ispiravano

Oussama Khachia aveva 30 anni. Suo fratello, Abdereahmane, 23 anni, è tra gli arrestati dell’ultima…


Il confronto tra il commissario Roberto Mancini e il boss Schiavone

Dallo speciale di Servizio Pubblico Più “Inferno Atomico”, andato in onda il 29 dicembre 2013 e dedicato…


Signorelli: “Renzi rappresenta esattamente quello che sono gli italiani”

L’antropologa Amalia Signorelli si concentra sullo scetticismo e sulla sfiducia nella politica che impera in…


Finmeccanica, gli ex vertici condannati in appello

L’ex presidente e amministratore delegato di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, è stato condannato in appello per corruzione…


U’ ciucciu chi vola

Il reportage di Angelo De Luca racconta l’utopia reale di Riace guidata da Mimmo Lucano, nominato da Fortune tra…


“Leggi italiane scritte da evasori per gli evasori”

L’altro giorno, mentre Renzi preparava l’incontro con la Merkel e le portava in dono la…


Papà & Papà: storia di una maternità surrogata

Nancy e la sua famiglia vivono in California, a 300 km da San Francisco, in…


“Non sarebbe meglio regolamentare?”

Giulia Innocenzi è stata criticata per aver condiviso sui social la propria posizione sulla gestazione…


Un drone sulla Terra dei Fuochi

Abbiamo utilizzato un drone per sorvolare le ecoballe della Terra dei Fuochi: sei milioni di…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati