Bye Bye Marcello

di | 28 Apr 2014

Marcello Dell’Utri, sotto processo per il patto Stato-mafia e condannato in appello a sette anni di carcere, si è rifugiato in Libano, in attesa della sentenza definitiva della Cassazione. Si tratta di una fuga, di una mossa dettata dalla paura o cos’altro? Certo è che sembra tramontare un’intera stagione, non solo della politica ma anche dei rapporti tra mafia e politica. E quali saranno i nuovi equilibri? In questi ultimi anni la criminalità organizzata si sta mangiando il Nord, la parte più ricca del nostro Paese.

“Bye bye Marcello” è il titolo della puntata speciale di Servizio Pubblico Più. Un’inchiesta condotta da Sandro Ruotolo e realizzata da Walter Molino, Giulia Cerino, Francesca Fagnani, Cinzia Petito e Dina Lauricella, ricca di materiali inediti, tra cui un’intervista esclusiva al presunto “faccia da mostro”.

Archivio Puntata

Pulce, il piccolo Vallanzasca/2

Un tempo a Milano il mercato della droga era controllato dalla mafia. Poi è arrivata…


Le vignette di Vauro!

Da Dell’Utri al Papa, passando per i servizi sociali di B.: tutte le vignette di…


“Quando Dell’Utri mi portò da Berlusconi”

Il pentito Francesco Di Carlo racconta i suoi incontri con Marcello Dell’Utri e Silvio Berlusconi:…


La storia di Faccia di Mostro

I pentiti lo chiamavano “faccia da mostro”, per quel volto sfigurato da una fucilata. Per anni si…


La riconoscenza di B.

“Nel processo per false fatturazioni a Publitalia, Berlusconi in qualità di testimone disse di aver…


Brianza: la banca della n’drangheta

In Brianza ci sono più di sessantamila imprese, ma neppure la metà ha accesso al…


Gli eredi dello Stalliere

A Milano il nome di Vittorio Mangano conta ancora moltissimo. I suoi eredi hanno organizzato…


Bye Bye Marcello: la fuga di Dell’Utri

È il 23 di marzo, e Marcello Dell’Utri è su un treno per Parigi: tuttavia…


La cura

“Fra la rabbia rancorosa di Grillo, Berlusconi al tramonto e la comunicazione del cuore di…


Quarto Oggiaro: a due passi dall’Expo, ‘ndrangheta e povertà

Un tempo a Milano il mercato della droga era controllato dalla mafia. Poi è arrivata…


12

Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati