IL RICATTO

di | 30 Ott 2014

“Nel 1993 un aut aut della mafia allo Stato. Le bombe erano un ultimatum, telefoni muti e tememmo il golpe”: martedì scorso, in tre ore di udienza al Quirinale, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha risposto alle domande dei magistrati di Palermo, dicendo tra l’altro di non aver avuto sentore né di aver chiesto al suo consigliere giuridico Loris D’Ambrosio quali fossero gli “indicibili accordi”. Per i pm la frase sull’aut aut della mafia allo Stato sarebbe da interpretare come una conferma del ricatto dei boss. Ma se la minaccia era mafiosa perché l’allora presidente del Consiglio Carlo Azeglio Ciampi temeva un colpo di Stato? Ospiti della puntata Luca Cianferoni, avvocato di Totò Riina, Claudio Martelli, ex ministro della Giustizia, Marco Travaglio e Sabina Guzzanti.

Archivio Puntata

Fotogallery: Le vignette di Vauro

Tutte le vignette dell’anti- Renzi Vauro della sesta puntata di Servizio Pubblico: dalla deposizione di…


Le vignette di Vauro

Dalla deposizione di Napolitano alla Leopolda di Renzi, tutte le vignette della sesta puntata di…


Martelli: “Per vincere la mafia bisogna dividerla”

“Per combattere la mafia capisco che un modo sia dividerla, però paghi un prezzo. Abbiamo…


Ciancimino: “De Gennaro sapeva della Trattativa”

“Lungi da me aver calunniato De Gennaro. Da quello che mi raccontava mio padre, De…


Cianferoni: lo Stato ha armadi che la magistratura non può aprire

“È bene che la gente sappia che nello Stato ci sono degli armadi che la…


Sallusti: “Pentiti utilizzati per disegno mediatico”

“Non si può confondere il collaboratore di giustizia con il confidente. Per anni si sono…


Martelli: “Magistrati non devono creare con pentiti rapporti intimistici”

“La gestione dei pentiti è una questione cruciale. C’è una corsa a chi si accaparra…


Sergio Flamia parla con il figlio in carcere

Sergio Flamia è un killer di Bagheria che ha passato molti anni in carcere. Un anno…


Flamia: confidente o pentito?

Sergio Flamia è un killer di Bagheria che ha passato molti anni in carcere. Nel…


Flamia, il pentito che ospitò Provenzano

Flamia ha iniziato la sua collaborazione con i servizi segreti nel 2008. Gli 007 gli…


Fisk sul terrorismo: “Siamo noi i colpevoli”

La ricerca delle motivazioni degli attentati